cerca

Sulla mia strada

"Dio verrà sempre con le cose più necessarie della vita"

Monsignor Salvini commenta il vangelo di domenica 8 agosto

Eucarestia

Si legge nel Vangelo di Giovanni: "Io sono il pane vivo, disceso dal cielo".

Il pane del cielo passa per la vita di un uomo, per la sua carne: non c’è vita di Dio se non nella carne dell’uomo Gesù, che sceglie di darci questa carne come nutrimento, come dono. E tutto questo solo perché l’uomo possa vivere di una vita che va oltre la morte.
Chi mangia questo pane, infatti, ha la vita eterna. Per questo è un pane vero ed è un pane vivo: solo ciò che è vivo può nutrire di vita eterna. La manna nutriva della vita terrena, quella che muore; la carne di Cristo ci nutre della vita del Padre, che non muore. Per comprendere questo bisogna entrare nell’esperienza della fede, che è questione di attrazione, non di sforzo umano: è accoglienza di quell’opera che Dio compie negli uomini.
Tutti saranno attirati da Dio, tutti saranno da Lui ammaestrati, nessuno escluso.
Attrazione non è costrizione: nessuno è costretto a mangiare questo pane.
Ne mangia solo chi ha cura della propria fame, chi accetta di ricevere un dono dall’alto, chi non si basta, chi continua a cercare.
Tutti, dunque, saranno attirati; e chi si lascia attrarre, mangia, e vive.

Rifletti:
Dio è il respiro del nostro respiro, è forza della nostra forza, è amore in ogni amore, è la nostra vita, coraggio del nostro coraggio.
Il miracolo è sempre camminare senza miracoli, con la consolante vicinanza di Dio e la forza prodigiosa dell’amore e del pane di ogni giorno che oggi ci è dato e che ci annuncia Dio.
Dio è sempre vicino. E’ fedele. Anche quando ci vede addormentati sotto il ginepro della stanchezza, dei problemi… verrà sempre con le cose elementari e più necessarie della vita.
Sono poche le cose assolutamente necessarie.

Commenti

Condividi le tue opinioni su La Sesia

Caratteri rimanenti: 1500