cerca

Sulla mia strada

Solo lo Spirito riesce a modellare nel nostro cuore l'immagine di Cristo

Il commento al vangelo della domenica di Pentecoste

Pentecoste

Si legge nel Vangelo di Giovanni: "Lo Spirito di verità vi guiderà alla verità tutta intera".

E’ lo Spirito che dà la vita! Quella dell'uomo riuscito, del progetto unico di umanità pensato da Dio, iscritto nell'intelaiatura d'ogni essere umano, in ognuno di noi, è attuato solo pienamente da Gesù.
Quel progetto d'uomo fatto a immagine di Dio e sfigurato dal peccato, è ora da Cristo riscritto e attuato nella propria vicenda umana perché sia lui l'esemplare, il modello cui guardare per cogliere le linee portanti della nostra identità e verità di uomini. Si tratta della vita, della vita giusta, della vita indovinata, ben superiore ai modelli e alle mode umane che non esprimono se non parziali bisogni e spesso deviate esigenze di successo umano.
Questa vita la riceviamo nel Battesimo per mezzo dello Spirito Santo: quel che è nato da carne è carne e quel che è nato da Spirito è Spirito. Questa vita cresce nella professione di fede, dono anche questo dello Spirito. Nessuno può dire: Gesù è il Signore, se non sotto l'azione dello Spirito santo. Questa vita cresce nelle opere buone, anche queste dono dello Spirito: quelli che vivono secondo lo Spirito, pensano alle cose dello Spirito. Solo lo Spirito riesce a modellare nel nostro cuore e nella nostra vita l'immagine di Cristo, a smuovere le nostre resistenze e pigrizie, a orientare la nostra attenzione verso ciò che è vero e giusto. Tale vita divina che lo Spirito santo accende nel cuore del credente non è un fatto isolato: è data nella Chiesa. Lo Spirito Santo è l'anima e la vita della Chiesa. Come frutto della risurrezione, Gesù ricrea un'umanità nuova, dando lo Spirito: alitò su di loro e disse: Ricevete lo Spirito santo.
Il giorno di Pentecoste è l'esplodere forte come di una nuova vitalità che investe gli Apostoli. É l'avvio della grande missione universale. É una missione essenzialmente di ricomposizione nell'unità, per fare di tutti i popoli dispersi e divisi un'unica famiglia di Dio. "La Chiesa è in Cristo - afferma il Concilio - come un sacramento o segno e strumento dell'intima unione con Dio e dell'unità di tutto il genere umano" (LG. 1,1). Solo col parlare l'unico linguaggio della fede l'umanità troverà la sua intesa e solidarietà.
Ecco: lo Spirito che è Signore e dà la vita, datore della vita personale piena e restauratore della vita sociale.

Commenti

Condividi le tue opinioni su La Sesia

Caratteri rimanenti: 1500

Video