cerca

Due rigori netti non concessi

La Pro Vercelli vola e balza al secondo posto

Rolando manda al tappeto la Pergolettese

Rolando Mattia

Mattia Rolando esulta dopo il gol partita (foto di Ivan Benedetto)

La Pro Vercelli batte di misura la Pergolettese al "Piola" con un gol di Rolando e scavalca il Renate al secondo posto del girone A del campionato di Serie C. La capolista Como, che non ha giocato a Olbia causa Covid-19, adesso comanda con due lunghezze di vantaggio sulle bianche casacche. Mister Modesto deve fare a meno dei difensori Auriletto (squalificato), Carosso e Parodi (infortunati), ma non rinuncia alla retroguardia a tre: in campo Hristov, Masi e Iezzi (che scala e disputa un match perfetto). Sulle fasce Clemente e Gatto (prova superlativa). A dettare le trame Awua ed Emmanuello. Davanti il trio Rolando-Comi-Zerbin. La Pergolettese diretta da De Paola deve rinunciare allo squalificato Panatti.

Al 4' partono bene gli ospiti: cross di Morello dalla sinistra e Longo, da due passi, non trova l’incornata vincente. Al 9' rimessa lunga di Clemente per Comi, sugli sviluppi Rolando insacca, ma l’arbitro Delrio di Reggio Emilia ferma tutto per un fallo del centravanti della Pro Vercelli. Al 10' però i bianchi passano. Pennellato cross di Gatto dalla sinistra, Rolando salta più in alto di Villa e di testa insacca. E' la rete che decide l'incontro. Al 15' reagisce la Pergolettese. Cross dalla sinistra di Villa, ma Longo non arriva all'appuntamento con il pallone. Al 18' la Pro Vercelli attacca con Zerbin, che però è chiuso da Lucenti così come Masi poco dopo sventa su Candela. Al 39' Comi, in seguito a un colpo dietro all'orecchio, perde sangue: deve uscire per farsi medicare dallo staff medico e giocherà con una vistosa banda. Intanto l'arbitro non prende provvedimenti sui giocatori lombardi che non badano al "sodo" con il bomber della Pro Vercelli.

Nella ripresa, al 52', grande azione di Zerbin e sinistro diretto all’incrocio dei pali che viene deviato in corner da Ghidotti. Primo clamoroso rigore non concesso alla Pro al 61'. Comi viene atterrato da Lucenti: rigore e cartellino rosso? Macchè. Il signor Delrio (decisamente insufficiente la sua prova) fa proseguire. L'ex Varas al 66' chiama alla parata Saro. Intanto nella Pro Vercelli entrano Della Morte e Nielsen per Rolando e Awua. Al 78' proprio Della Morte ha tra i piedi la palla del 2-0 su assist di Zerbin. Purtroppo il neoentrato calcia fuori. All'84' Modesto inserisce Mezzoni e Costantino per Clemente e Comi. All'87' Costantino sfiora il raddoppio con un bel diagonale e al 93' l'arbitro Delrio non assegna un rigore macroscopico (il secondo) alla Pro Vercelli. Addirittura ammonisce il lanciato Hristov per simulazione. Al triplice fischio grande gioia delle bianche casacche dopo aver saputo della sconfitta del Renate a Lecco. Per la squadra del presidente Franco Smerieri è il dodicesimo risultato utile consecutivo. Tanta roba.

Domenica 7 marzo (ore 17,30) nella decima giornata di ritorno le bianche casacche saranno ospiti della Pistoiese. Non ci sarà il capitano Masi che sarà squalificato per somma di ammonizioni.

Il tabellino della gara (1-0).

PRO VERCELLI (modulo 3-4-3): Saro; Hristov, Masi, Iezzi; Clemente (dall'84' Mezzoni), Awua (dal 72' Nielsen), Emmanuello, Gatto; Rolando (dal 72' Della Morte), Comi (dall'84' Costantino), Zerbin (dal 92' Erradi). A disp. (Tintori, Scalia, Romairone, Esposito e Merio). All.: Modesto.

PERGOLETTESE (modulo 4-3-3): Ghidotti; Candela, Bakayoko, Lucenti, Villa; Girelli (dal 56' Figoli), Duca (dal 77' Palermo), Varas; Morello, Longo (dal 63' Scardina), Ferrari (dal 46' Andreoli). A disp. (Soncin, Tosi, Ferrara e Lamberti). All.: De Paola.

ARBITRO: Delrio di Reggio Emilia (assistenti di linea: De Nardi di Conegliano e Paggiola di Legnago; quarto uomo: Bitonti di Bologna).

MARCATORE: al 10' Rolando (P).

NOTE - Ammoniti: Ferrari (PE), Masi (P), Emmanuello (P), Awua (P), Gatto (P) e Hristov (P); calci d'angolo: 4 a 3 per la Pro Vercelli; recupero tempo: due minuti nella prima frazione di gioco e quattro minuti nella ripresa; partita giocata a porte chiuse; giornata nuvolosa, terreno sintetico; in tribuna il direttore generale del Crotone Raffaele Vrenna e il direttore sportivo dell'Alessandria Fabio Artico.

2021 - Riproduzione riservata

Commenti

Condividi le tue opinioni su La Sesia

Caratteri rimanenti: 1500