cerca

Poche emozioni

La Pro Vercelli non va oltre lo 0-0

L'Olbia indenne al "Piola"

Zerbin Alessio

Alessio Zerbin, attaccante della Pro Vercelli (foto Benedetto)

La Pro Vercelli si incaglia contro l'Olbia e non va oltre lo 0-0. Al "Piola" i sardi strappano un punto prezioso per la loro classifica, mentre i bianchi non riescono a rendersi veramente pericolosi dalle parti di Tornaghi. Per gli uomini di Francesco Modesto la serie positiva si allunga a dieci turni e il portiere Saro è imbattuto da 615 minuti. La partita settima giornata di ritorno del girone A del campionato di Serie C va così in archivio senza gol. La Pro Vercelli ha schierato in difesa dal primo minuto Parodi al posto dello squalificato Hristov, mentre a centrocampo Modesto ha dato fiducia ad Awua e sulla fascia destra è stato riconfermato Clemente. Iezzi è rientrato sulla corsia di sinistra. In attacco Costantino è stato preferito a Comi.

Avvio a favore dei sardi che pigiano sull'acceleratore e costringono i vercellesi a stare sulle difensive. Al 9' bella giocata di Udoh che si libera e serve il pallone in mezzo: nessun esito. Dopo un quarto d'ora di assestamento la Pro Vercelli al 24' ci prova con Awua, che viene servito alla perfezione da Zerbin. Purtroppo il centrocampista ex Cittadella non centra la porta. Al 26' Emmanuello spara di destro verso Tornaghi che respinge con i pugni. Al 36' si registra una perfetta chiusura di Auriletto (fra i migliori in campo) e al 37' Emmanuello non è fortunato con una conclusione dalla distanza. Al 39' Costantino in diagonale manda abbondantemente a lato.

In avvio di ripresa l'Olbia, al 53', chiama alla parata provvidenziale Saro. Quest'ultimo manda in corner un tiro ravvicinato di Udoh. Poi, sul successivo calcio d'angolo, Altare non trova lo specchio della porta. Al 56' triplo cambio per la Pro Vercelli: escono Costantino, Clemente ed Awua ed entrano Comi, Gatto e Nielsen. Al 59' ancora Emmanuello dalla distanza costringe Tornaghi alla parata in due tempi. Intanto esce Rolando ed entra Della Morte. Proprio quest'ultimo mette subito in apprensione Tornaghi su un calcio di punizione. Al 68' Nielsen spara alto dopo una respinta della difesa sarda e al 75' Mezzoni rileva Iezzi. Nei venti minuti finali non succede più nulla se non le perdite di tempo continue ad opera dei giocatori dell'Olbia con l'arbitro Maggio che si perde in inutili richiami verbali.

La Pro Vercelli tornerà in campo sabato 27 febbraio alla ore 15 per il match dell'ottava giornata di ritorno in terra milanese, a Gorgonzola, contro la Giana Erminio.

Il tabellino della gara (0-0).

PRO VERCELLI (modulo 3-4-3): Saro; Parodi, Masi, Auriletto; Clemente (dal 56' Gatto), Emmanuello, Awua (dal 56' Nielsen), Iezzi (dal 75' Mezzoni); Rolando (dal 62' Della Morte), Costantino (dal 56' Comi), Zerbin. A disp. (Tintori, Romairone, Esposito, Erradi, Merio e Secondo). All.: Modesto.

OLBIA (modulo 4-3-1-2): Tornaghi; La Rosa, Altare, Emerson, Cadili; Lella (dall'87' Belloni), Giandonato, Pennington (dal 75' Doratiotto); Biancu; Ragatzu (dall'87' Cocco), Udoh. A disp. (Van Der Want, Demarcus, Marigosu, Secci e Cabras). All.: Canzi.

ARBITRO: Maggio di Lodi (assistenti di linea: De Angelis di Roma e Bartolomucci di Ciampino; quarto uomo: Fiero di Pistoia).

NOTE - Ammoniti: Pennington (O), La Rosa (O), Auriletto (P), Iezzi (P), Udoh (O), Cocco (O) e l'allenatore della Pro Vercelli Modesto; partita giocata a porte chiuse; recupero tempo: un minuto nella prima frazione di gioco e cinque minuti nella ripresa; giornata fredda e a tratta soleggiata, terreno sintetico; in tribuna gli ex d.s. della Pro Vercelli Massimo Varini e Giancarlo Romairone; prima dell'incontro è stato osservato un minuto di raccoglimento in memoria di Mauro Bellugi, ex calciatore dell'Inter e della Nazionale.

2021 - Riproduzione riservata

Commenti

Condividi le tue opinioni su La Sesia

Caratteri rimanenti: 1500