cerca

Assietti in minoranza

Consorzio Baraggia, continua il braccio di ferro

Manca il numero legale dei consiglieri, impossibile approvare il bilancio

Baraggia

La spinosa questione del Consorzio di bonifica della Baraggia ha vissuto l'ennesimo capitolo di una storia che sembra non avere fine. Per giovedì 15 luglio il presidente sfiduciato Dino Assietti aveva convocato il consiglio dei delegati per l'approvazione del bilancio, ma si sono presentati soltanto 12 consiglieri su 30. Niente numero legale, bilancio non approvato.

La vicenda era iniziata un anno fa con la richiesta di dimissioni del presidente del Consorzio, Dino Assietti, e si è trascinata per lunghi mesi fino alla nomina da parte della Regione Piemonte di un commissario ad acta, che ha convocato il consiglio dei delegati per discutere l'ordine del giorno proposto un anno fa. Il presidente ha presentato ricorso al Tar, ricorso che è stato respinto, e per due volte ha convocato il consiglio per l'approvazione del bilancio. In entrambi i casi il consiglio, come si dice, è andato deserto. Che cosa succederà ora? La Regione dovrebbe nominare un commissario che assuma le redini dell'ente e di fatto dimissionare Assietti. A meno di nuovi colpi di scena.

Commenti

Condividi le tue opinioni su La Sesia

Caratteri rimanenti: 1500