cerca

La scelta

Il Piemonte va verso la chiusura di tutte le scuole

L'aumento rilevante dei contagi fa paura

Scuola

In Piemonte si va verso la chiusura di tutte le scuole a partire da lunedì 8 marzo. I contagi in costante aumento, il diffondersi della variante inglese e i parametri del nuovo Dpcm sono tutti fattori che stanno convincendo il presidente Alberto Cirio a prendere la decisione di far tornare tutti gli studenti alla didattica a distanza. La restrizione non farebbe sconti a nessuno: tutti gli istituti di ogni ordine e grado, chiuderanno.

In regione sono state già istituite diverse zone rosse nei comuni del torinese, del cuneese e nel Vco: in questi casi gli studenti sono già passati alla didattica a distanza. Ma con la stesura del nuovo Dpcm, che sarà in vigore da sabato 6 marzo, cambia tutto: sono stati previsti alcuni parametri sulla base dei quali le Regioni possono introdurre una sospensione totale dell’attività didattica anche in zona arancione o gialla. Ne basta anche solo uno: incidenza sul territorio maggiore a 250 casi ogni 100 mila abitanti, presenza certificata di casi da variante, incremento improvviso di contagi nell’ultima settimana. In Piemonte, fino al monitoraggio di venerdì scorso la situazione mostrava un lieve incremento, ma era giudicata ancora sotto controllo. Negli ultimi giorni, invece, si è registrato un incremento importante di nuovi casi soprattutto a causa del diffondersi della variante inglese. 

La decisione definitiva verrà presa nella giornata di oggi dopo un ultimo incontro del presidente della Regione Alberto Cirio con i sindaci e i prefetti. Ma la strada sembra indirizzata: da lunedì 8 marzo gli studenti torneranno davanti ai propri computer per seguire le lezioni.

Commenti

Condividi le tue opinioni su La Sesia

Caratteri rimanenti: 1500