cerca

Oratori di Vercelli nella Bassa

Raccolta viveri pro missioni: ecco a cosa servono le scatole di cartone

I ragazzi promotori dell'iniziativa aiutano Padre Alessandro Facchini

Missione Perù

Scatole di cartone consegnate porta a porta nei giorni scorsi con l’invito a riempirle di generi alimentari a lunga conservazione per un successivo ritiro. Nella miriade di richieste di aiuto, l’iniziativa dei ragazzi degli oratori di Vercelli rischia però di cadere nel vuoto. Penalizzata dalla diffidenza generalizzata e dal Covid. 

Ma chi sono i promotori? Sono gli stessi ragazzi attivi in città, nelle parrocchie di San Giuseppe, al rione Cervetto, di Sant’Agnese e delle Maddalene. Gli stessi ragazzi operosi che ogni ultimo sabato del mese aprono nell’ex chiesa di Sant’Elena, a Bivio Sesia, il Mercaritàtino, il mercatino della carità, per sostenere gli amici missionari nelle zone più povere dell’America Latina. Obiettivo, questo, alla base anche della raccolta alimentare ora in corso nei centri abitati della Bassa vercellese. 

A spiegare la finalità del progetto sono gli stessi organizzatori, ovvero i volontari dell’associazione ‘Aiutiamo la Missione onlus’ insieme ai ragazzi della Pro.v.vi.de.n.z.a. "Nella città di Vercelli, noi ragazzi dell’oratorio, siamo impegnati in varie attività che spaziano dalle raccolte viveri, mercatino dell’usato, sgomberi, svuota cantine, imbiancature, produzioni artistiche e altre iniziative: tutte per sostenere le nostre missioni in Perù e Bolivia - precisano -. Nel fine settimana scorso abbiamo consegnato nei paesi della zona scatole di cartone, invitando a riempirle con generi alimentari a lunga conservazione quali pasta, farina, olio, riso, zucchero, scatolame, alimenti per l’infanzia. Prodotti a lunga conservazione che invieremo con container in Perù e Bolivia, a sostegno delle missioni di Padre Alessandro Facchini". 

Una iniziativa analoga era già stata realizzata a settembre 2020 in alcuni centri abitati, sempre nella Bassa. “Non me la sento di tenere chiusa la porta ai poveri, anche se so che devo continuare a bussare alle porte dei ricchi per questi poveri... “. In questa frase vi è lo spirito, la motivazione che ha spinto Alessandro Facchini, giovane bresciano, a dedicare la sua vita e la sua vocazione al servizio dei poveri degli altopiani delle Ande peruviane dove la gente sopravvive coltivando ciò che la terra ed il clima ostile consente. Al Perù, si è accostato per la prima volta da ragazzo, quando ha vissuto una esperienza con i missionari dell’Operazione Matogrosso. Per sostenere concretamente le sue opere missionarie sono nate due associazioni. Una, creata nel 2012, è appunto 'Aiutiamo la Missione - onlus' che vede impegnati anche i ragazzi degli oratori di Vercelli. 

Fugata quindi ogni diffidenza sulla reale finalità della raccolta viveri, la richiesta è quella di contribuire, offrendo quello che ognuno può: i volontari passeranno a ritirare le scatole nelle giornate di venerdì 30 aprile, sabato 1° e domenica 2 maggio. Eventuali offerte serviranno a sostenere i costi di spedizione del container. Per informazioni e donazioni è possibile contattare il 331 2328429 (Sara) o il 349 1497474 (Costantino). 

Commenti

Condividi le tue opinioni su La Sesia

Caratteri rimanenti: 1500

Video