cerca

Comune di Borgosesia

Palazzo Castellani: stop al comodato gratuito per l’Asl

'L'appartamento non è mai stato usato dai medici'

Borgosesia palazzo Castellani

Palazzo Castellani a Borgosesia

Borgosesia: stop al comodato gratuito a favore dell’Asl. "Mai utilizzati i locali di piazza Mazzini: non siamo un limone da spremere" sbotta il sindaco Paolo Tiramani. 

Il Comune di Borgosesia decide di non rinnovare all’Asl la concessione in comodato d’uso gratuito dell’appartamento in palazzo Castellani, che nell’agosto 2019 era stato offerto alla stessa azienda sanitaria per ospitare i medici in tirocinio all’ospedale Santi Pietro e Paolo. "Un anno e mezzo fa abbiamo messo a disposizione questo spazio a sostegno del progetto formativo dell’azienda rivolto ai giovani medici - ricorda Tiramani - ma con sorpresa ci siamo accorti che in tutto questo tempo l’alloggio non è mai stato utilizzato; nemmeno nel periodo del lockdown, quando ci siamo dovuti anche occupare di trovare appartamenti per i medici che arrivavano a lavorare nel nostro ospedale. Ora l’Asl di Vercelli ci chiede di rinnovare la concessione ma, francamente, lo trovo assurdo: questo spazio dev’essere a disposizione di chi ne ha veramente bisogno, non di chi lo pretende per poi non utilizzarlo".

I locali in questione si trovano al secondo piano del centralissimo e prestigioso Palazzo Castellani, ed erano stati concessi in comodato d’uso con l’accordo che l’Azienda sanitaria si occupasse dell’eventuale adattamento degli spazi alle proprie esigenze (previa autorizzazione dell’Amministrazione Comunale) così come della pulizia e della manutenzione ordinaria degli stessi. "Siamo sempre stati e saremo sempre a disposizione per sostenere il nostro ospedale - spiega ancora Tiramani - per questo abbiamo offerto con molto piacere questi spazi. Per questo sono rimasto, insieme alla mia Giunta, molto sorpreso di vedere
che l’Asl non ne ha mai fatto uso, ed ancor più sorpreso di ricevere la richiesta di rinnovare la concessione: l’Azienda Sanitaria deve capire che il territorio non è un 'limone da spremere': siamo disponibili, e l’abbiamo dimostrato ampiamente, ma solo a fronte di una progettualità seria. Altrimenti, noi non abbiamo problemi ad utilizzare in modo efficiente i mezzi di cui disponiamo: l'appartamento in questione, lasciato inutilizzato per 18 mesi dall’Asl, sarà senz’altro utile ad altre realtà che ne hanno un bisogno effettivo e ne rispettano il valore".

Tant'è: il comodato d’uso non verrà rinnovato, e l’appartamento tornerà nella disponibilità del Comune per essere utilizzato in modo proficuo: "L’ospedale è uno dei servizi fondamentali non solo per la nostra città, ma per l’intero territorio valsesiano - dice Tiramani - per questo non esitiamo a scendere in campo quando lo riteniamo necessario, però esigiamo, a nome di tutti i cittadini, che l’impegno del territorio sia rispettato". 

Commenti

Condividi le tue opinioni su La Sesia

Caratteri rimanenti: 1500

Video