cerca

Percorsi di crescita

Liberi di pensare

I bambini devono imparare anche dai propri errori

Bimbo che pensa

Il compito genitoriale, lo abbiamo più volte evidenziato, è forse quello più complesso. E' opinione comune che insegnare voglia dire proporre al bambino o anche al ragazzo modi di agire, di pensare o verità precostituite e preconfezionate perché ...”si è sempre fatto così!”.

Nulla di più errato, perché in questo modo sembra che l'insegnamento sia a rigida trasmissione verticale e quindi passi attraverso il processo “io adulto detengo il sapere e so come si fa  e tu bambino devi ascoltare e apprendere”. Tuttavia, così facendo, sottraiamo al bambino una delle capacità più importanti: quella di autodeterminazione. Insegnare a credere in verità assolute e senza che esse siano messe  in discussione vuol dire creare menti piatte e togliere come dicevamo la capacità di autodeterminazione e di autoefficacia, componenti fondamentali che convincono gli individui di essere capaci di dominare specifiche attività e situazioni del proprio funzionamento psicologico e sociale e nel contempo di imparare dall'esperienza. Inoltre, non ultimo in termini di importanza, questo processo innalza notevolmente la nostra autostima. Si comprende allora che diventa necessario allenare i bambini a pensare, a porsi domande, a sviluppare la capacità di essere critici e sensibili. Ciò è rilevante  anche dal punto di vista cognitivo, in quanto la sfida di affrontare problemi ed errori è avvincente, non richiede solo sforzo ma anche un processo di adattamento e di cambiamento.

I problemi mettono in moto tutte le nostre risorse cognitive e la loro risoluzione comporta una rimodulazione dei nostri stessi schemi mentali. E i bambini, in quanto tali, sono terreno molto fertile per l'esercizio del pensiero: aiutarli a sviluppare il ragionamento e la capacità di farsi domande consente loro di sviluppare capacità emotive, di riconoscerle, di nominarle, sconfiggendo in questo modo la paura di approfondire l'ignoto intendendo per esso ciò che ci circonda e ciò che si sente dentro. E' proprio dall'errore che il bambino imparerà e andrà avanti fortificandosi e arricchendo il proprio bagaglio di mezzi ed esperienze per affrontare la vita. Un bambino abituato a interrogarsi sul perché delle cose, ad ascoltare l'altro, a riconoscersi in ciò che dice l'altro, a confutare una tesi con argomentazioni valide, a domandarsi cosa sente, avrà a disposizione degli strumenti utilizzabili sempre. Non è un lavoro facile, anzi tutt'altro; ma, se attivato fin dai primi anni di vita, col passare del tempo la mente si abitua a ragionare e diventa un automatismo di cui non si può fare a meno. Se insegniamo ai bambini ad accettare senza ragionare ogni informazione che riceveranno non sarà significativa e non genererà cambiamenti nel loro cervello, sarà un'ennesima informazione immagazzinata in un cassetto della memoria e col passare del tempo svanirà. Invece quando pensiamo a come risolvere un problema o quando cerchiamo di capire dove stiamo sbagliando inneschiamo un processo che comporta una crescita. Un bambino abituato a pensare, a mettere in discussione la realtà e a trovare soluzioni comincia ad avere fiducia nelle proprie capacità e affronta la vita con maggiore sicurezza. Educare bambini autonomi nel pensiero comporta conseguenze anche per gli adulti, perché se i bambini pensano sanno anche rispondere, sanno far valere il proprio pensiero e in quel caso possono mettere in luce le nostre mancanze poiché quel principio che tanto vogliamo promuovere deve essere supportato da motivazioni valide e, purtroppo, non sempre le abbiamo.

Commenti

Condividi le tue opinioni su La Sesia

Caratteri rimanenti: 1500

Video