cerca

La polemica

Consentito andare all'estero in vacanza: caos con Federalberghi

"Autorizzati i viaggi fuori confine e vietati in Italia: inconcepibile"

Viaggio mare

Chi deve andare all’estero per turismo può raggiungere l’aeroporto anche se si trova in una regione arancione o rossa. Con una nota del gabinetto del ministro dell'Interno Luciana Lamorgese è stato chiarito che "sono giustificati gli spostamenti finalizzati a raggiungere il luogo di partenza di questo tipo di viaggi che, in quanto generalmente consentiti, non possono subire compressioni o limitazioni al proprio svolgimento". È dunque consentito muoversi purché "muniti di autocertificazione". Ovviamente non sono mancate le polemiche: "Gli alberghi e tutto il sistema dell’ospitalità italiana sono fermi da mesi, a causa del divieto di spostarsi da una regione all’altra - afferma Bernabò Bocca, presidente di Federalberghi - Non comprendiamo come sia possibile autorizzare i viaggi oltre confine e invece impedire quelli in Italia". Le regole saranno in vigore fino al 30 aprile.

Dove si può andare 
Si può andare per turismo in Belgio, Bulgaria, Cipro, Croazia, Danimarca, Estonia, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Irlanda, Lettonia, Lituania, Lussemburgo, Malta, Paesi Bassi, Polonia, Portogallo, Repubblica Ceca, Romania, Slovacchia, Slovenia, Spagna, Svezia, Ungheria, Islanda, Norvegia, Liechtenstein, Svizzera, Andorra, Principato di Monaco ma rispettando le restrizioni locali e al ritorno in Italia nella maggior parte dei casi è obbligatorio sottoporsi al tampone.

Le limitazioni al rientro

Chi rientra dall’Austria, dal Regno Unito e dagli Stati Uniti deve sottoporsi alla quarantena di 14 giorni. Isolamento fiduciario al ritorno in Italia è stato stabilito anche per chi va in Australia, Nuova Zelanda, Repubblica di Corea, Ruanda, Singapore, Thailandia. 

Commenti

Condividi le tue opinioni su La Sesia

Caratteri rimanenti: 1500