cerca

La diretta 2

Zona gialla "stoppata" fino al 30 aprile in tutta Italia

Ancora fermi ristoranti, bar, palestre e cinema

Ristoranti chiusi

Nessun ripristino delle zone gialle fino al 30 aprile. È questa la linea adottata dalla cabina di regia che reputa allarmanti i dati odierni: le aree meno colpite del Paese, dunque, rimarranno in zona arancione, con tutti i divieti del caso.

Restano totalmente chiusi, quindi, bar, ristoranti e palestre, ma anche cinema e teatri. Per tutte le attività che non potranno ripartire arriveranno - secondo quanto confermato nella riunione - nuovi rimborsi e sostegni, finanziati dalla richiesta di un nuovo scostamento di bilancio intorno al 10 aprile.

È impensabile tenere chiusa l’Italia anche per tutto il mese di aprile - ha detto il leader della Lega Matteo Salvini - Nel nome del buonsenso chiediamo che dal 7 aprile, almeno nelle regioni e nelle città con situazione sanitaria sotto controllo, si riaprano, ovviamente in sicurezza, le attività chiuse e si ritorni alla vita a partire da ristoranti, teatri, palestre, cinema, bar, oratori, negozi”. “Le chiusure sono pensabili o impensabili solo in base ai dati che vediamo - ha replicato il premier Mario Draghi – “Le misure hanno dimostrato nel corso di un anno e mezzo di non essere campate per arie. È desiderabile riaprire, la decisione se farlo o meno dipende dai dati”.

 

La scadenza del decreto è stata fissata al 30 aprile anche perché in quella data scade lo stato d'emergenza. In un secondo momento si valuterà dunque sull’eventuale proroga e sulle nuove misure da adottare. L'obiettivo sarebbe affrontare queste altre settimane di restrizioni per poi iniziare ad aprire gradualmente.

Commenti

Condividi le tue opinioni su La Sesia

Caratteri rimanenti: 1500

Video