cerca

2 giugno 1882

La morte di Giuseppe Garibaldi

"Il più leggendario dei campioni"

Garibaldi

Il 1882 si chiude con una notizia tragica: il sindaco di Motta dei Conti, Giovanni Belluati, viene trovato morto nei primi giorni di dicembre. Belluati, non ancora 27enne e il più giovane primo cittadino del circondario, viene ucciso a poca distanza dal centro abitato. Il suo cadavere viene gettato nel cavo, a venti metri dal ponte. Questo il commento estrapolato da una lettera inviata al giornale La Sesia da parte di un cittadino di Motta dei Conti: “Ieri sera poco dopo le cinque pomeridiane il nostro sindaco Giovanni Belluati è stato barbaramente trucidato a dieci minuti di distanza dall’abitato mentre era di ritorno al podere di sua abitazione. Ho l’animo troppo commosso per dirvi l’impressione lasciata da questo orribile fatto”.
Il cadavere viene trovato il 5 dicembre nel Cavo Marcora: l’uomo ha due ferite sul cranio provocate da una falce e una sulla mano. Le prime indiscrezioni attribuiscono la causa dell’omicidio alla vendetta personale: nonostante l’assassino abbia cercato di sviare le indagini derubando l’uomo del denaro, dell’orologio e del mantello, inscenando una rapina finita male, alcuni amici del sindaco affermano di essere a conoscenza che da giorni riceveva minacce. Si arriverà ad una sentenza nel giro di quattro mesi: il 7 aprile 1883 Pietro Guaschino, un bracciante di Stroppiana, viene condannato a morte. L’uomo si è sempre dichiarato innocente, ma l’alibi da lui fornito non ha mai convinto il giudice e le prove contro di lui vengono dichiarate schiaccianti. Il processo diventa di interesse pubblico e il tribunale è affollatissimo: la sentenza arriva alle 16.50 e Guaschino, dopo le parole della Corte, si lascia cadere sulla panca in preda allo sconforto.
Nel gennaio del 1883 viene inaugurato il nuovo tratto ferroviario che collega Vercelli-Mortara-Pavia. Si tratta di un’estensione che riesce a unire la città anche oltre il confine regionale. Per le prime corse, vengono stanziate tre coppie di treni con orario provvisorio, ma nel corso degli anni il servizio avrà dei miglioramenti. L’11 marzo, invece, una notizia sportiva: rinasce la Società Ginnastica Vercellese: l’iniziativa del maestro Del Piano si svolge nella palestra di Sant’Andrea. Si registra, infine, anche un aumento della popolazione dal punto di vista demografico: dal censimento effettuato, a Vercelli, ci sono 28.905 abitanti: la città è uno dei 121 comuni italiani che superano i 20 mila abitanti. In questa speciale classifica Vercelli si posiziona al 68° posto.
Il 1883 si conclude con una notizia di tutt’altro aspetto: il 9 dicembre arriva il telefono in città. Il mezzo viene installato da un negoziante, Guidetti, all’interno della sua attività nella zona di Rialto. “Un filo impercettibile, partendo dall’angolo di Rialto, dove il Guidetti ha trasportato il suo bellissimo negozio., traversa in via Morosone, la piazza del Pollame, e la via Gioberti, e va ad unire il detto negozio col laboratorio, posto nella casa recentemente acquistata dal signor Guidetti nella piazzetta di S. Francesco”. Quel filo è simbolo di civiltà, di progresso: il primo passo verso il collegamento telefonico di tutta la città.
 
 
 

Commenti

Condividi le tue opinioni su La Sesia

Caratteri rimanenti: 1500

Video