cerca

Banca del latte umano donato

Il Sant'Andrea "Ospedale amico dei bambini e delle bambine"

La pediatra Uga: "Solo 30 strutture accreditate in tutta Italia"

Banca del latte umano donato

Il Sant’Andrea di Vercelli è a un passo dal diventare “Ospedale Amico dei Bambini e delle Bambine”.

Elena Uga

"Purtroppo la pandemia ha 'frenato' il percorso di accreditamento, che avrebbe fatto del nostro ospedale uno dei punti di riferimento nazionali - spiega Elena Uga (foto), pediatra dell’Asl Vercelli, responsabile del progetto e referente della Banca del Latte - Infatti in Italia esistono solo 30 strutture accreditate, e in Piemonte c’è la sola Verbania". Lo scopo dell’iniziativa Oms-Unicef “Bfhi - Baby-Friendly Hospital Initiative” "è di garantire che madri, neonate e neonati ricevano cure tempestive e adeguate prima e durante la loro permanenza in un punto nascita. Questo richiede un insieme di pratiche assistenziali precoci e appropriate, e supporto continuo da parte di professionisti e professioniste qualificati", evidenzia Uga.

Frigo banca del latte

L’accreditamento
Il percorso di accreditamento si svolge in tre fasi: nella prima, iniziata nel 2017 e superata il 1° giugno 2018, sono state redatte e definite tutte le procedure aziendali e i protocolli utili a disciplinare questa attività. "Nel dicembre 2019 abbiamo ricevuto a Vercelli la visita dei valutatori Unicef, che hanno intervistato decine di operatori coinvolti nel progetto al fine di valutarne la preparazione. Anche in Pronto soccorso e al Punto info gli operatori sono stati preparati sul progetto", racconta la pediatra. Dopo un anno, quindi a dicembre 2020, era prevista la terza fase, nella quale i valutatori Unicef avrebbero dovuto intervistare le mamme per confermare la corretta adozione delle pratiche richieste. Ma, a causa della pandemia, tutto è stato rimandato. "Nel frattempo abbiamo rivisto le procedure, per fare in modo che le attenzioni nei confronti di mamme e bambini non venissero meno a causa dell’emergenza Covid - prosegue Uga - Ora attendiamo di conoscere quando potremo terminare il percorso". Il progetto coinvolge l’intero punto nascita, accorpando i reparti di Ostetricia, Nido, Pediatria e Patologia neonatale di Vercelli, oltre ai Consultori di Vercelli e Santhià. "Insieme a me, responsabile del progetto è l’ostetrica Marta Maggio - precisa la dottoressa - Il gruppo di lavoro comprende diverse professionalità, dai direttori Gianluca Cosi e Nicoletta Vendola ai coordinatori infermieristici Annalisa Curatolo, Alessandra Turchetti e Michela Braghin. Naturalmente le pratiche adottate a Vercelli vengono messe in atto anche a Borgosesia".

Banca del latte

La Banca del latte umano donato
Uno dei punti cardini fondamentali per l’accreditamento è la presenza della Banca del latte umano donato (Blud), per cui il Sant’Andrea è il punto di riferimento dell’intero quadrante: qui il latte materno viene pastorizzato e ridistribuito, specialmente alla Terapia intensiva neonatale del “Maggiore” di Novara. Dal 2018 ad oggi sono 412 le donatrici che vi hanno aderito tra Vercelli, Novara, Borgosesia e Verbania. In Piemonte ne esistono solo altri due: al “Regina Margherita” di Torino e al “Santa Croce” di Moncalieri. "Nonostante il calo della natalità (528 bambini nati nel 2019, 473 nel 2020) i tassi di allattamento nel nostro ospedale si collocano ben sopra alla media nazionale e non sono cambiati con il Covid", evidenzia Uga. Infatti i dati percentuali vercellesi raggiungono il 92% di allattamento esclusivo alla dimissione. "Siamo ampiamente al di sopra della soglia richiesta da Unicef, pari all’80% - spiega la pediatra - E con ottima ricaduta sul territorio: basti pensare che abbiamo il 65% a 4-5 mesi di allattamento esclusivo e il 41% di bambini ancora allattati a 10-11 mesi. Gli ultimi dati Istat nazionali riportano un allattamento esclusivo alla dimissione dell’85,5% e del 38,6% a 4-5 mesi". E le mamme positive al Covid come vengono trattate? "Le donne che hanno appena partorito vengono gestite con misure adeguate ma si cerca di non separarle mai dai loro bimbi: le attenzioni non sono mai venute meno". In più, sono stati predisposti diversi punti allattamenti in ospedale: in Pediatria, in Ostetricia, all’ingresso, al Consultorio e in Radiologia.

Banca del latte

Il Gruppo di auto mutuo aiuto
Rallentate ma non frenate anche le iniziative del Gruppo di auto mutuo aiuto mamme, anch’esso fondamentale per l’accreditamento ad “Ospedale amico dei bambini e delle bambine”: "In questo ambito le mamme, adeguatamente formate, si sostengono tra di loro - fa sapere Uga - L’interazione reciproca è fondamentale, ed è considerata pari a quella con l’operatore. Purtroppo non c’è stata più occasione per rivedersi in presenza. Ora queste due attività verranno rilanciate con due webinar a inizio maggio, in occasione della Festa della mamma", conclude Elena Uga.

Commenti

Condividi le tue opinioni su La Sesia

Caratteri rimanenti: 1500