cerca

Crescentino

Eni Versalis, timori per il lavoro e rassicurazioni

I lavoratori temono il disimpegno, l'azienda nega

Eni Versalis

"Abbiamo il terrore di perdere il lavoro". Questo il grido lanciato da un gruppo di dipendenti “responsabili” dello stabilimento Versalis di strada Ghiaro su un blog locale. I lavoratori lamentano il mancato riavvio dell’impianto di produzione di bioetanolo e temono che entro fine anno il forno possa essere spento. Eni Versalis dal canto suo respinge tutte le affermazioni in quanto “prive di ogni fondamento”. I lavoratori chiedono conto delle promesse fatte durante l’open day del febbraio 2020 mettendo in dubbio che si sia mai voluta avviare la produzione di etanolo e che Versalis stessa non creda nel progetto. "Confermiamo la centralità dello stabilimento di Crescentino, nel quale si sono effettuati investimenti importanti al fine di rendere gli impianti idonei agli standard aziendali. L’avvio della produzione di bioetanolo è prevista entro fine 2021, a valle della richiesta di modifica AIA e dell’acquisizione del terreno destinato a stoccaggio delle biomasse, e per cui sono in corso le autorizzazioni per il cambio di destinazione d’uso per perfezionare la transazione – precisano da Versalis". Attacchi anche all’amministrazione e all’opposizione, accusata di non interessarsi più alle sorti dello stabilimento e di non rendersi conto che decine di famiglie rischiano il posto di lavoro. "Nessuno può affermare, essendo una mail anonima, che siate davvero dipendenti dell’azienda oppure soggetti che sottendano altri obiettivi. Detto questo, non ritengo assolutamente che questa sia un’azienda in crisi" precisa il sindaco Vittorio Ferrero. E prosegue: "In tutte le nuove sfide tecnologiche ci sono battute d’arresto, perplessità e fallimenti, ma ci sono anche tante, tantissime opportunità che, in questo momento storico, credo vadano colte e sono certo che Eni abbia le spalle più che robuste per sostenere e affrontare questa sfida". Nelle scorse settimane Eni Versalis ha richiesto una variante urbanistica per 40 mila metri quadrati. Serviranno per una nuova area di stoccaggio di biomassa connessa allo stabilimento già esistente. "La produzione della linea di disinfettanti Invix®, dispositivo medico autorizzato presidio medico chirirurgico dal Ministero della Salute, è oggi tra le prime a livello nazionale e verrà ulteriormente consolidata. Infine, la centrale elettrica è in marcia regolare con approvvigionamento del cippato dal territorio" concludono da Versalis.

Commenti

Condividi le tue opinioni su La Sesia

Caratteri rimanenti: 1500

Video