cerca

Flc Cgil, Cisl Scuola, Uil Scuola e Snals Confsal

Piemonte, scuola: "Fondamentale ripartire in sicurezza"

Le richieste dei sindacati ai prefetti

Scuola

L’inattuabilità dell’idea dei doppi turni, cioè organizzare ingressi scaglionati nelle scuole superiori; la preoccupazione per gli aspetti organizzativi e gestionali; la richiesta di misure di protezione individuale, almeno le mascherine Ffp2; infine, la necessità di porre massima attenzione alla qualità della didattica e alla compatibilità con i tempi di vita delle allieve e degli allievi, a tutela del loro benessere fisico e psicologico. Sono le richieste presentate dai segretari regionali di Flc Cgil, Cisl Scuola, Uil Scuola e Snals Confsal nel corso dell’incontro con il prefetto di Torino, in qualità di coordinatore dei prefetti della Regione Piemonte, alla presenza del direttore dell’Ufficio Scolastico e del direttore dell’Agenzia Mobilità Regionale.


I piani provinciali di ripartenza scolastica
L’incontro aveva come oggetto la presentazione dei piani provinciali di ripartenza della scuola secondaria al 50%, con un rafforzamento dei trasporti. "Siamo stati informati del fatto che i piani provinciali sono in via di definizione e che saranno trasmessi appena possibili alle Organizzazioni sindacali - spiegano i rappresentanti del mondo scolastico piemontese - e che il piano trasporti avrebbe previsto due turni di entrata se la ripresa fosse stata al 75%, mentre, vista la possibile apertura al 50%, per ora si intende organizzare un turno solo: nel caso di ripresa al 75% nella maggior parte delle province saranno necessari i doppi turni".
Per la ripresa il 7 gennaio, al 50% in un unico turno, fanno sapere i sindacati, è stata messa in campo una serie di azioni: dal rinforzo del trasporto pubblico con corse aggiuntive di treni e bus alla riprogettazione del piano fermate per evitare gli affollamenti. "I bus extraurbani potranno scaricare e caricare gli studenti direttamente in prossimità delle scuole - proseguono - Non essendo possibili i controlli a bordo, potrebbero essere previsti presidi all’interno e all’uscita delle scuole a cura dei volontari della Protezione civile, laddove possibile, mentre per l’implemento degli ausiliari del traffico si è in attesa della copertura economica prevista in Legge di Bilancio". Il progetto “Bolla bus”, che prevede l’organizzazione delle corse di autobus con a bordo gruppi fissi di studenti, è ancora in corso di studio. 


Le dichiarazioni dei segretari regionali
Luisa Limone (Flc Cgil Piemonte) al termine dell’incontro, ha commentato: "Ogni azione e ogni impegno dovranno convergere a garantire in massima sicurezza per tutto il personale e gli allievi la ripresa dell’attività didattica in presenza nel più breve tempo possibile e anche per la scuola secondaria di secondo grado". Apprezzamento per il lavoro che i dirigenti e il personale della scuola continuano a svolgere, anche in questo periodo di sospensione delle attività didattiche, è arrivato da Maria Grazia Penna (Cisl Scuola Piemonte): «Rimarchiamo la collaborazione con le istituzioni piemontesi - ha proseguito - Se i dati epidemiologici e le valutazioni del rischio di contagio evidenziano pericoli per la salute e la sicurezza per gli studenti e per il personale, chi ha responsabilità politiche deve agire e comunicare tempestivamente le scelte". Diego Meli (Uil Scuola Piemonte) ha espresso preoccupazione "sulle modalità di ingresso e salita sui mezzi di trasporto, poiché non esiste nessun controllo sulla capienza. Rimangono comunque mancanti i provvedimenti a livello nazionale relativi agli organici e alla diminuzione degli alunni per classe". Inevitabile, secondo Antonio Pace (Snals Piemonte) "un congruo tempo di rinvio per la secondaria di II grado, in presenza di dati non rassicuranti in ordine ai contagi anche nella nostra regione ed essendo la salute di tutti il bene più importante. E’ assolutamente doveroso che la ripresa in presenza a scuola nella secondaria di II grado avvenga in piena sicurezza".

Commenti

Condividi le tue opinioni su La Sesia

Caratteri rimanenti: 1500