cerca

Vietati gli spostamenti tra regioni

Nuovo decreto: 7-8 gennaio in zona gialla, 9-10 in arancione

Dall'11 al 15 divisione in fasce in base al monitoraggio

Giuseppe Conte

Il 7 e l’8 gennaio tutto il Paese sarà in zona gialla per poi passare alla fascia arancione nel weekend. Mentre dall’11 fino al 15 sarà una completa zona gialla ma le regioni, sulla base del monitoraggio settimanale, potranno inasprire le regole e passare alle fasce arancioni o rosse. Due però le strette prese dall’esecutivo: il divieto di spostamento tra regioni anche nei giorni di zona gialla e l’abbassamento delle soglie Rt per entrare nella fascia arancione o rossa. Il coprifuoco rimarrà dalle lo stesso: non si potrà uscire se non per comprovato motivo dalle 22 alle 5.

 

Il 7 e 8 gennaio

Dopo l’Epifania ci saranno due giorni di semiapertura. Via libera quindi a negozi, centri estetici, ma anche a bar e ristoranti fino alle 18, con un massimo di quattro persone per tavolo. Sarà, inoltre, consentito l’asporto fino alle 22 e la consegna a domicilio anche dopo l’orario del coprifuoco. Ci si potrà spostare anche fuori dal proprio Comune, ma rimanendo all’interno dei confini regionali.

Il 9 e 10 gennaio

Si ritorna in zona arancione. I bar e i ristoranti ritornano ad effettuare solo l’asporto e la consegna a domicilio, mentre i negozi manterranno le porte aperte. Sarà libera la circolazione delle persone solamente all’interno del proprio Comune. Restano consentiti gli spostamenti tra Comuni con popolazione non superiore a 5.000 abitanti e per distanza non superiore a 30 chilometri dai relativi confini. La deroga non consente però di raggiungere i capoluoghi di provincia

 

Dall’11 gennaio e le nuove soglie Rt

L’Italia sarà tutta in zona gialla, ma sarà compito delle regioni decidere il colore della propria fascia, in relazione ai risultati del monitoraggio settimanale. Secondo i nuovi criteri, quando una regione ha l’indice di trasmissibilità pari a 1 entra in fascia arancione. Se è pari a 1,25 entra in fascia rossa. In entrambi i casi si è deciso di abbassare la soglia di 0,25. “Questa nuova classificazione è stata condivisa da tutte le regioni perché tutti siamo d’accordo sulla necessità di far scattare immediatamente le misure più restrittive quando si va oltre l’1”, ha affermato l ministro degli Affari regionali Francesco Boccia.

Commenti

Condividi le tue opinioni su La Sesia

Caratteri rimanenti: 1500