cerca

Museo Leone - Vercelli

Messaggi e scherzi grafici: alla scoperta di segni nascosti

Schizzi, scarabocchi, note e graffiti protagonisti della nuova rubrica

Museo Leone graffito

Curiosi personaggi che 'abitano' il sottotetto di Palazzo Langosco, sede del Museo Leone

Schizzi, scarabocchi, note e graffiti: alla scoperta di questi tracce conduce la nuova rubrica 'Segni nascosti' proposta dal Museo Leone di Vercelli sui propri canali social. 

Perchè segni da scoprire? "Si tratta di schizzi, scarabocchi, note lasciati da personaggi sconosciuti su opere o strutture del museo stesso, molto antichi o contemporanei, divertenti, a volte sfacciati a volte affascinanti - spiega lo staff museale -. Si potranno scoprire 'messaggi e scherzi' unicamente grafici, ma anche date, informazioni di diverso genere, consigli, poesiole, raccomandazioni o pensieri personali".

Perché nascosti? "Nella maggior parte dei casi si notano poco - precisano infatti - si trovano in posizioni scomode o celati all’interno di volumi conservati in Biblioteca oppure perché in ambienti non accessibili del museo". 

Nel primo appuntamento della rubrica protagonisti sono stati i curiosi personaggi che abitano il sottotetto di Palazzo Langosco: "Solamente una matita li ha ritratti o forse inventati - conclude lo staff del Leone -. Di chi fosse la mano che la guidava però purtroppo non sappiamo". 

Commenti

Condividi le tue opinioni su La Sesia

Caratteri rimanenti: 1500

Video