cerca

Progetto per scuole

Liberi di Scegliere onlus: 'Ad oggi coinvolti oltre 10.000 bambini'

L'inclusione spiegata dal libro di Giulia Pretta e Claudia Ferraris

Disegno di Claudia Ferraris

Un'illustrazione di Claudia Ferraris, contenuta in 'Favole di Terra e di Aria'

Liberi di Scegliere onlus festeggia una tappa importante di 'Lui è meglio di me', progetto inclusivo rivolto alle scuole elementari e materne. "Siamo arrivati ad oltre 10.000 bambini coinvolti - spiega Giuseppe Ferraris, segretario dalla onlus, ideatore e coordinatore dell'iniziativa -. Grazie agli Istituti Comprensivi Scolastici della Provincia di Vercelli, il nostro progetto inclusivo, iniziato ad ottobre 2019 e che doveva terminare a giugno 2020, sta continuando per tutto l'anno scolastico 2020-2021 e si concluderà a giugno 2021. Un grazie immenso ai dirigenti e agli oltre 1.050 insegnanti coinvolti, della scuola primaria e dell’infanzia e naturalmente ai sostenitori del progetto, senza i quali, questo per noi grandioso percorso non si sarebbe mai potuto realizzare".

In questi giorni l'associazione ha terminato la consegna totalmente gratuita, di tutto il materiale necessario per i nuovi 900 bambini impegnati nel progetto dopo i 9.200 che lo scorso anno già lo avevano intrapreso. 

Ma di cosa si tratta? 'Lui è meglio di me' spiega l’inclusione del bambino diversamente abile nella scuola e nella vita, attraverso 'Favole di Terra e di Aria', libro scritto da Giulia Pretta e illustrato da Claudia Ferraris, pubblicato da Edizioni Erickson Live. "Con questo progetto i bambini scoprono la diversa abilità, giocando in un mondo di colori e di gioia - sottolinea Ferraris - e con l’aiuto dei genitori e degli insegnanti che lo supportano e lo guidano per comprendere davvero che includere, condividere ed accettare l’altro non è per niente difficile. Così si può imparare a percorrere insieme a lui le lunghe e a volte difficili strade della vita".

"Sappiamo bene le difficoltà che il mondo della scuola sta affrontando - commenta Adriano Greppi, presidente di Liberi di Scegliere - ma sappiamo anche che tanti insegnanti hanno utilizzato il nostro umile progetto nella fase più critica della didattica a distanza della primavera 2020 e questo ci ha reso fieri, pur in un contesto che in tante famiglie ha provocato
rabbia e in alcuni casi dolore".

I metodi divulgativi sono oggi possibili in presenza, ma se ciò non fosse possibile, come precisano di Liberi di Scegliere, fino al termine dell’anno scolastico, ogni docente sarà libero di usare ogni canale, telematico e non, senza alcun ostacolo di diritti d’autore da parte di nessuno, né ci saranno limitazioni di alcun genere, perché l’unico diritto è quello dei nostri bambini.

Commenti

Condividi le tue opinioni su La Sesia

Caratteri rimanenti: 1500

Video