Thursday

, 20 June 2019

ore 13:50

Vercelli

12-06-2019 21:02

Chesterton omaggia Vercelli con la visita di Nick Moir
Reduce da un viaggio a Gerusalemme, ha accettato di buon grado l’invito
 
Negli scorsi giorni è stato in visita a Vercelli il Vicar di St. Andrew's Chesterton, Rev.nd Nick Moir, invitato dall’associazione Chesterton presieduta da Gianna Baucero, autorevole figura di grande spessore culturale della città, che – grazie anche al suo ottimo risultato elettorale – avrà sicuramente un ruolo importante nella scelta dei componenti della nuova giunta.

Nick Moir, colto, simpatico e disponibilissimo “british gentleman” , ha sostituito il Vicar James Gardom incontrato più volte dai vercellesi. Reduce da un viaggio a Gerusalemme, ha accettato di buon grado l’invito a lui rivolto dalla professoressa Baucero per omaggiare non solo gli 800 anni della basilica di Sant’Andrea ma anche per incontrare i cittadini e portare avanti iniziative ed eventi che vedranno ancora una volta Vercelli ricoprire un ruolo internazionale grazie al lavoro dei membri dell’Associazione.  E’ stato accolto con molto calore, lo stesso che Chesterton riservò undici anni fa ai vercellesi in visita in questo delizioso angolo d’Inghilterra poco lontano da Cambridge, dove si trova la Chiesa di Sant’Andrew “il dono del Re” Henry III al nostro illustre concittadino, il Cardinal Guala Bicchieri. Una visita, quella del Vicar Moir, che lo ha visto impegnato in vari simposi, ha incontrato giornalisti, i membri dell’Associazione durante una amabile cena al Bislakko dove ha potuto gustare e apprezzare la cucina italian. Ha concluso la  visita con l’illuminante conferenza in San Cristoforo dove ha parlato per più di un’ora della storia di St. Andrews, dell’importanza assoluta che Vercelli grazie al Cardinal Guala Bicchieri  acquistò e mantenne per secoli, dei nostri canonici, designati a rappresentarla, in viaggio sulla via Francigena  verso l’Inghilterra dove – dopo una partenza accettata  dapprima ‘ob torto collo’ data la lontananza del luogo – si ritrovavano a ricoprire ruoli influenti, collaborando con i locali, costruendo splendide residenze (facenti parte ancora oggi del patrimonio architettonico e storico inglese) , intrattenevano rapporti con Cambridge e con la cattedrale di Ely oltre a pescare anguille nel tempo libero.

Una lezione di storia, quella del Vicar Nick Moir,  che andrebbe estesa a tutte le scuole vercellesi perché – sia chiaro – gli inglesi conoscono e apprezzano la figura del Cardinal Guala Bicchieri molto più della maggior parte dei suoi concittadini. Fatto assai biasimevole. Il dono dello splendido acquerello di Lorena Fonsato ha illuminato di gratitudine il viso del Reverendo che a sua volta ha donato a Gianna Baucero il prestigioso ‘Crest’ (Coat of Arms) dell’Università di Cambridge. Un riconoscimento ampiamente meritato. Accolto dal violino di Guido  Rimonda e dal saluto caloroso del ‘padrone di casa’ Monsignor Salvini, Nick Moir ha concluso la conferenza con l’ invito a una ‘return visit’ dei vercellesi a Chesterton in autunno.

E infine per gli amanti del ‘mistero’, ecco una chicca storica: lo sapevate che la regina Maria I Tudor, altrimenti meglio conosciuta come la sanguinaria “Bloody Mary” rappresentò la speranza per Vercelli e per i suoi canonici in terra inglese di riappropriarsi di Chesterton dopo che questa era stata ceduta a Cambridge? Ebbene si, la cattolica regnante era favorevole a un ritorno dei vercellesi e fu tra le nostre paladine oltre che sostenitrici della causa. Della serie: non tutto il male vien per nuocere.

Rita Francios  

(foto Fabrizio Zerbin)




Crpwebtg

alla redazione proponi ...

I campi contrassegnati con (*) sono obbligatori.

I campi contrassegnati con (*) sono obbligatori.

Copyright © 2019 La Sesia S.r.l. via Quintino Sella 30, 13100 Vercelli
Reg. Imprese VC C.F. 00146700026 - P.IVA IT 00146700026 - R.E.A. VC44243 - C.S. euro 130.000,00 i.v.