Monday

, 26 October 2020

ore 17:30

Sport

28-09-2020 08:33

Pro Vercelli: 7 a Saro, Masi ed Emmanuello
Le pagelle delle bianche casacche
 
SARO: il Novara combina poco, ma è perfetto su quella zuccata di Zigoni che sembrava avvelenata. Il super lavoro, semmai, gli tocca (e gli toccherà) con i piedi: in fase di possesso, Modesto lo considera un difensore a tutti gli effetti (7).

HRISTOV: dopo 3 minuti lo ammazzeresti per quell’appoggio di testa che sbaglia da due passi. Poi si riscatta con un prestazione di fisico e sostanza con cui spiega i milioni che la Fiorentina ha investito su di lui due anni fa (6,5).

MASI: al centro della difesa, in tutti i sensi. Osa, finalmente con continuità, il lancio lungo. Anche perché, da queste parti, un piede come il suo ce l’hanno in pochi. Straordinario per caparbietà quando, in pieno recupero, prima sbaglia e poi si fionda a correggere il proprio errore (7).

DE MARINO: pulito e ordinato, con un coraggioso intervento in scivolata salva un gol fatto su Cisco a metà primo tempo (6,5).

BRUZZANITI: il gol che si divora nulla toglie a una gara coraggiosa, giocata con grande disciplina tattica. Sbaglia qualcosa, ma - a vent’anni - ha tutto il tempo per crescere e migliorare ancora (6).

NIELSEN: esperienza, senso e ordine tattico. Nel silenzio irreale del "Piola", oltre alle urla di Modesto, si sente soprattutto lui che incita, incoraggia e richiama i compagni (6,5). ERRADI: pochi minuti, ma si capisce che, in questo momento, è il primo cambio dei due titolari (n.g.).

EMMANUELLO: gioca con coraggio e personalità. Perché la tecnica, quella, non gli è mai mancata. La Pro di quest’anno dipende anche e soprattutto da quanto lui saprà mettersi realmente al centro del progetto tattico di Francesco Modesto (7).

IEZZI: sulla catena di sinistra insieme a Zerbin fa venire gli incubi al Novara. Nel secondo tempo gioca con abnegazione una gara di sofferenza (6,5).

ROLANDO: attacca, difende e calcia dagli undici metri con una freddezza magistrale (6,5). GRAZIANO: va sotto la punta a fare sportellate soprattutto di testa con i difensori novaresi (6).

COMI: si procura d’astuzia il rigore del vantaggio, poi gioca un derby alla sua maniera: ruvido, spigoloso, combattivo e determinato (6,5).

ZERBIN: nel primo tempo si concede un paio di finezze che meriterebbero gli applausi di tutto il pubblico che non c’è, ma il vero spettacolo sono quelle rasoiate di sinistro con cui taglia a fette la difesa del Novara. Dopo un’ora di gioco non ne ha più e, giustamente, viene sostituito (6,5). DELLA MORTE: entra in un momento complicato, ma avrebbe dovuto metterci più freddezza nel gestire un paio di ripartenze (6).

Vittorio Gelso
2020 - Riproduzione riservata
Crpwebtg

alla redazione proponi ...

I campi contrassegnati con (*) sono obbligatori.

I campi contrassegnati con (*) sono obbligatori.

foto giorno »

Vercelli - I tamponi 'pit stop' in via Colombo

Copyright © 2020 La Sesia S.r.l. via Quintino Sella 30, 13100 Vercelli
Reg. Imprese VC C.F. 00146700026 - P.IVA IT 00146700026 - R.E.A. VC44243 - C.S. euro 130.000,00 i.v.