Sunday

, 9 August 2020

ore 16:45

Vercelli

01-08-2020 12:17

Inaugurato l'anno eusebiano, per 1650 anni dalla morte del patrono
'E il tempo di separare le cose necessarie da quelle che non lo sono'
 
Vercelli: una celebrazione di Sant'Eusebio particolare, con le restrizioni per il contenimento del Covid. Non una cattedrale gremita come in passato, ma con un massimo di 200 fedeli. E alcune file di sedie, allestite nel pronao del duomo.

Una liturgia, regolamentata dalla misure anticontagio, ma anche un appuntamento che segna l'inizio di un momento particolare per la diocesi, come sottolineato dall'arcivescovo Marco Arnolfo: "Seppur in un momento di sofferenza, abbiamo il privilegio di inaugurare 'l'anno eusebiano': nel 2021 ricerreranno infatti i 1650 anni dalla morte del nostro patrono, primo missionario in Piemonte, avvenuta nel 371. Sarà un giubileo importante, in cui ci soffermeremo sulla santità, sul ministero e sullo sitile di vita di San'Eusebio, per ricavarne un messaggio per tutti".

Tre i punti, intorno a cui l'arcivescovo ha articolato l'omelia. Tre interrogativi a cui ha dato risposta guardando all'esempio di Eusebio.

"La pandemia ci constringe ora a ricominciare - ha sottolineano monsignor Arnolfo -. Una situazione che ci accomuna al patrono: anche sant'Eusebio, dopo l'esilio, ha dovuto ricominciare, qui a Vercelli. Ma la sua esperienza di esilio e la nostra situazione di emergenza sanitaria, come ci hanno cambiati? Le difficoltà che abbiamo vissuto in questo 2020 sono un'esperienza che non deve essere vanificata. Sant'Eusebio al ritorno dall'esilio non si è sentito svuoltato, ma arricchito. Anche noi nei momenti più difficili siamo cresciuti in spiritualità, attraverso i gesti di solidarietà di tante persone e l'impegno eroico degli operatori sanitari".

La pandemia in tante persone ha aperto lo sguardo alla fede, come evidenziato dall'arcivescovo che ha aggiunto: "Come fare allora? Ripartendo insieme con il piede giusto. Siamo capaci di riaprtire insieme a Vercelli? Come agire? Concretamente su quali indicazioni possiamo ripartire? Dobbiamo farlo insieme, ascoltando la parola di Dio. Papa Francesco nel 2015 ha regalato a tutti gli uomini, non solo ai cristiani, un'enciclica sociale, la 'Laudato si'. Un invito alla coscienza ecologica integrata, segno dei tempi, che attraverso la parola di Dio, padre e creatore, ci dice di ascoltare il grido dei poveri, il grido della Terra. Signore donaci uno sguardo contemplativo del creato. Questo è il tempo di seperare le cose necessarie da quelle che non lo sono".

Alla celebrazione in duomo oggi, sabato 1° agosto, hanno preso parte anche il vescovo emerito di Biella Gabriele Mana, il vescovo emerito di Mondovì Luciano Pacomio, monsignor Roberto Farinella, attuale vescovo della diocesi di Biella. Il presbiterio eusebiano. Autorità civili e militari.

Maria Carla Grazioli


Crpwebtg

alla redazione proponi ...

I campi contrassegnati con (*) sono obbligatori.

I campi contrassegnati con (*) sono obbligatori.

Copyright © 2020 La Sesia S.r.l. via Quintino Sella 30, 13100 Vercelli
Reg. Imprese VC C.F. 00146700026 - P.IVA IT 00146700026 - R.E.A. VC44243 - C.S. euro 130.000,00 i.v.