Tuesday

, 29 September 2020

ore 22:18

Cronaca

26-03-2020 06:40

Vercellese: 'Poche mascherine: tragedia nella tragedia'
La denuncia del Sindacato italiano unitario lavoratori di Polizia
 
"Sia nel decreto che nelle circolari del dipartimento di Pubblica sicurezza è evidenziato che si devono usare le mascherine, ma noi non ne abbiamo".

È la denuncia del segretario provinciale del Siulp, Sindacato italiano unitario lavoratori di Polizia. "Forse qualche Prefetto, questore e dirigente dimentica che noi poliziotti, non siamo mai stati distanti più di un metro dai colleghi in macchina ne tantomeno dai pericoli di tutti i giorni dice Francesco Giglio - Oggi non possiamo non denunciare che la Polizia piemontese non è dotata di mascherine a sufficienza per fronteggiare l’emergenza. Una vera tragedia nella tragedia italiana".

Giglio analizza poi la situazione: "Oltre a mettere a rischio i tutori dell’ordine, trasforma gli stessi operatori in potenziali veicoli di contagio. Se in tv passano immagini di tanti poliziotti con mascherine è bene sapere che non sono piemontesi - attacca il sindacalista - Servono mascherine, servono Dispositivi di protezione individuale a chi non si sottrae ai propri doveri istituzionali. Ci dispiace registrare da parte dell’amministrazione, che fino a ieri ci ha celebrato per gli atti di responsabilità, l’utilizzo di toni sprezzanti e fuori luogo nei confronti di alcune segreterie provinciali, che hanno denunciano una grave e preoccupante situazione di esposizione al rischio di contagio dei Poliziotti per la carenza di mascherine".

La denuncia del Sindacato italiano unitario lavoratori di Polizia arriva nelle ore più difficili per il Vercellese e l'intero Piemonte: nella giornata di mercoledì, 25 marzo, si sono infatti registrati 80 morti e i contagi hanno quasi toccato il muro dei 6.200 (leggi qui). La protesta degli agenti arriva poche ore dopo quella dei vigili del fuoco. Nelle scorse ore, come confermato da Cgil, Cisl e Uil, un componente effettivo di Novara e uno di Torino sono risultati positivi al Covid-19. "Per questo - informano i sindacati - i comandanti sono stati costretti a isolare le persone in stretto contatto e ad effettuare la bonifica dei locali. Non solo. A Novara c'è stata l'immediata sostituzione del turno che, attualmente, è quarantena". I sindacati temono che "queste misure drastiche ma necessarie, moltiplicate per le altre sedi regionali, potrebbero portare al collasso dell’operatività dei vigili del fuoco in Piemonte".

Per questo motivo Cgil, Cisl e Uil hanno a gran voce chiesto "un protocollo per l’effettuazione periodica di tamponi per tutti i pompieri compresi volontari e amministrativi". Le misure sono necessarie e fondamentali anche per "permettere l’immediato isolamento dei soggetti asintomatici" (leggi qui).

Matteo Gardelli
Mattia Mortarotti












Crpwebtg

alla redazione proponi ...

I campi contrassegnati con (*) sono obbligatori.

I campi contrassegnati con (*) sono obbligatori.

foto giorno »

Cartoline dai vercellesi - Le rocce in bilico del Namaquiland (Sud Africa)

Antonio Varalda

Copyright © 2020 La Sesia S.r.l. via Quintino Sella 30, 13100 Vercelli
Reg. Imprese VC C.F. 00146700026 - P.IVA IT 00146700026 - R.E.A. VC44243 - C.S. euro 130.000,00 i.v.